Tolti i siti dei quotidiani da Google, -90% di pagine visitate.

28 settembre 2012 - 1 minute read

Era di due anni fa la scelta di Murdoch di togliere i siti web del The Times e Sunday Times dal celebre motore di ricerca perchè “violavano” i contenuti destinati al suo pubblico, ma il primo effetto è stato quello di passare dai 41 milioni di pagine visitate a maggio a circa 4 milioni di settembre (2010).

Ebbene nonostante la testata si definì soddisfatta del numero di utenti iscritti dopo che il sito divenne accessibile solo agli abbonati, oggi c’è un dietro front che riporta i due giornali accessibili ai bot di Google per l’indicizzazione e i contenuti riappariranno nel web.

 

La lezione ricevuta da News Corp. – e fondamentalmente dall’intero settore dell’editoria – è che non si può fare a eno da Google. Non avere pagine indicizzare vuol dire non esistere. È il traffico che veicola Google quello che conta.

 

Concludiamo l’articolo con una citazione non proprio azzeccatissima:
Il traffico che proviene da Google porta lettori che spesso non leggono neanche un articolo e vanno via. Questo è il traffico di peggiore valore per noi… l’impatto economico (di non avere contenuti indicizzati da Google) non è così grande come pensate. Si può sopravvivere senza.
Jonathan Miller, chief digital officer di News Corp. – 2010

Fonte: Tom’s hardware – leggi tutto

Tags: , , , ,